MATRIMONIO IN HOTEL ROMA: MINIMALISMO E MODERNITA’

Hai mai pensato ad un hotel di design al centro di Roma per celebrare il tuo matrimonio?

Nella città eterna così come in tutto il nostro paese ci sono tantissime location tra castelli, relais e ville tra cui scegliere per festeggiare il tuo matrimonio.

E’ consuetudine di molte coppie straniere preferire i migliori hotel di Roma per il ricevimento del matrimonio. Ma mentre fino a qualche tempo fa il matrimonio in hotel era prerogativa degli stranieri, oggi molte giovani coppie di sposi italiani scelgono queste strutture per celebrare il giorno più importante della loro vita.

Perché un matrimonio in hotel?

E’ la stessa domanda che ci siamo poste noi dopo il primo incontro con Brooke e Cody.

Giovani, innamorati, affascinati dalla meravigliosa città eterna, alla ricerca di un posto non convenzionale in grado di coniugare, estetica, confort e servizi extra, per un matrimonio affascinante e fuori dall’ordinario. 

NH Collection Palazzo Cinquecento è l’hotel di Roma che ha fatto da cornice al nostro racconto. Essenziale, minimalista con un forte carattere emozionale, proprio come quello della nostra meravigliosa coppia di sposi.

Cosa può offrire l’organizzazione di un matrimonio in hotel?

Un hotel per matrimoni a Roma permette di avere una vasta gamma di scelta non soltanto nello stile architettonico della struttura ma anche negli ampi spazi di cui dispone: sale, cortili, parchi e piscine faranno vivere a voi e ai vostri ospiti un esperienza davvero fuori dal comune. Vi diamo qualche suggerimento prima di raccontarvi  questa indimenticabile giornata romana

L’organizzazione di un matrimonio in hotel rende la logistica molto più scorrevole rispetto alle  usuali pianificazioni. Queste strutture sono dotate di tutte le attrezzature per produrre un evento ben organizzato

Dispongono di una gerarchia professionale con ruoli definiti ed offrono rapide soluzioni in caso di piano B senza gravare sul budget prestabilito. Molte di loro permettono la celebrazione dei riti civili in loco come nel matrimonio di Brooke e Cody.

Le numerose stanze sono una comoda soluzione per il pernottamento dei vostri ospiti viaggiatori così che possano godersi tutti i momenti e tutti i servizi messi a disposizione dalla struttura (brunch, SPA, piscina.).

Dopo la festa di nozze nessuna guida in auto, se non una comoda suite in cui rilassarsi.

La vicinanza al centro turistico della città permetterà, nei giorni successivi al matrimonio, di godere delle bellezze storiche della città.

Un mini-tour fuori porta per apprezzare monumenti e ore di relax lontano dalla solita routine quotidiana.

Cucina gourmet, che sia internazionale, ricercata o del territorio, avrete la possibilità di coniugare l’esperienza culinaria sia nel gusto che nella presentazione.

Stile, raffinato si, ma minimalista. Adatto ad un hotel di design come l’NH Collection Palazzo Cinquecento.

Organizzare il matrimonio di Booke e Cody in questo lussuoso hotel di Roma, ha richiesto da parte nostra lo studio delle ambientazioni e del design architettonico della struttura. 

Elementi stilistici, spazi e colorazioni sono stati coniugati in un’unica palette colori che avesse al centro il rosso, come unico colore preferito dalla sposa.

Declinato in tutte le sue sfumature è stato accostato ai toni neutri del grigio, del beige e dei bianchi, per esprimere la forte personalità del matrimonio, pur mantenendo  un carattere romantico e sofisticato.

Brooke ha iniziato la preparazione in una lussuosa suite dell’hotel, in compagnia di della make up artist Silvia Frioni. L’esperienza di Silvia ha permesso a Brooke di sfoggiare un trucco luminoso che ne valorizzasse l’incarnato e i suoi tratti peculiari. Occhi azzurri come il mare e carnose labbra rosse, il colore preferito da Brooke!

Brooke ha indossato un abito di Antonella Rossi Roma, minimalista, con linee pulite e raffinate, in grado di far esplodere la sensuale femminilità di Brooke, lasciandone intatta l’eleganza.

L’acconciatura di Matisse Parrucchieri ha valorizzato il perfetto ovale di Brooke con una morbida coda di waves. Parola d’ordine semplicità!

Cody, in bianco, ha sfoggiato tutta la sua classe con un abito sartoriale di Urbano della Scala

Una combinazione black & white per un abito composto da pantaloni e dettagli neri. Giacca con reverse nero in finissima seta, per un mood sofisticato e romantico.

L’organizzazione del matrimonio in hotel ha richiesto lo studio di una wedding suite ad hoc, interamente pensata per dare importanza alla modernità e al minimalismo che intendevamo rappresentare. Tenendo conto delle nuance cromatiche scelte, abbiamo contrastato i vari elementi, calligrafando solo le parti più importanti del coordinato .

Le immagini line art ci hanno permesso di addolcire i tratti e di stondare le linee, azzardando forme inusuali per via del contesto non convenzionale di matrimonio. 

Brooke e Cody per il loro matrimonio in hotel hanno scelto di suggellare l’unione nel giardino storico della struttura.  Le ampie mura romane hanno testimoniato la solidità del loro amore in una esplosione di emozione e di gioia che ha lasciato tutti senza fiato.

Prima del ricevimento, Brooke e Cody si sono presi del tempo per sorseggiare  un drink, al cocktail bar dell’hotel, dove i meravigliosi scatti di Cristina Bianchini li hanno ritratti in momenti unici di intimità e divertimento. 

Martina Ecker di Floral Studio M ci ha supportato nello studio della mise en place floreale

Un trionfo di naturalezza ed eleganza minimalista. Martina ha studiato gli elementi botanici adatti per sfumature di colore e composizione stilistica, disegnando una meravigliosa nuvola di fiori sospesa che ha lasciato tutti senza fiato. 

Per il taglio torta Mary’s Pasticceria ha realizzato una wedding cake interamente total white, valorizzata e completata dalle stesse varietà di fiori che hanno accompagnato il mood. 

matrimonio_in_hotel_roma_diamoon

Grazie al video di JS Production abbiamo potuto immortalare al bellezza di questa coppia ed il racconto del loro amore. Roma è la perfetta cornice di un amore senza tempo. Vi lasciamo un breve estratto in attesa del video ufficiale!

 

Continuate a seguirci, nel prossimo articolo vi sveliamo una romantica situazione insieme a Piroland90 e Irina Kukulesku.
Se anche tu desideri organizzare il tuo matrimonio in hotel, scrivici, saremo felici di far esplodere il tuo progetto!

TEAM CREDITS

CONCEPT & PLANNING: Diamoon – Progettiamo Emozioni 

VENUE: NH Collection Palazzo Cinquecento

PHOTO: Cristina Bianchini Photography

VIDEO: JS Production

MAKEUP: Silvia Frioni Make up Artist

HAIR STYLIST: Matisse parrucchieri

FLOWER DESIGN: Floral studio M

MISE EN PLACE: NH Collection piazza Cinquecento & Diamoon – Progettiamo Emozioni

WEDDING SUITE: Diamoon – Progettiamo Emozioni

PATISSERIE: Mary’s Pasticceria

BRIDE DRESS: Antonella Rossi Roma

GROOM DRESS: Urbano della Scala

BRIDE ACCESSORIES: Irina Kululesku Bridal Headpieces

PIROTECNICA: Piroland 90

MODELS: Lucrezia Lucchetti | Oreste Gaudio

    Sei interessato a:


    SAN VALENTINO DI CUORI

    “Il più bello dei mari è quello che non navigammo. Il più bello dei nostri figli non è ancora cresciuto. I più belli dei nostri giorni non li abbiamo ancora vissuti. E quello che vorrei dirti di più bello non te l’ho ancora detto.”
    [Nâzim Hikmet]

     

    La settimana dell’amore è arrivata già da un po’. I giorni corrono anche se l’anno nuovo non è iniziato così come ce l’aspettavamo! 

    Nonostante questo, noi siamo state travolte da una miriade di idee e progetti:  wedding shooting, personal branding, inspiration, quest’anno come nessun altro ha tirato fuori in noi una forte grinta e tanta voglia di fare. 

     

     

    Dalla nostra cucina tra l’altro, ispirandoci alla festa di San Valentino, abbiamo sfornato degli incantevoli dolcetti. Chi ci conosce, sa che adoriamo le meringhe e che abbiamo bisogno di tornare ad amare le spose deliziandole con delle piccole coccole. 

     

     

    L’amore in fondo è condivisione, cura e delizia e gli ingredienti giusti, faranno la ricetta vincente della vostra storia d’amore, così come della nostra amicizia. 

    Con San Valentino alle porte ci sembrava giusto continuare a parlare d’amore! Anzi questa festa ci porta dentro quei meravigliosi momenti di organizzazione degli anni passati. Ma non potevamo di certo lasciarlo passare inosservato senza una vera e propria festa, solo per donne ovviamente!!! 

     

     

    Ci mancano così tanto quei giorni in cui potevamo salutarci con un abbraccio, ospitare più di 15 invitati e sederci vicino a meno di un metro di distanza che il pensiero di un futuro in cui riunirci ancora ci rende davvero emozionate. 

    Noi di certo non rinunciamo a sorridere e stare insieme. Perché gli abbracci aiutano a farci sentire meno sole e accorciano le distanze, proprio per questo quest’anno, la nostra ispirazione è arrivata dal colore. 

    Abbiamo riempito di cuori e palloni il nostro ufficio e questi adorabili dettagli di Cristina Bianchini Photography, disegnano un momento perfetto. 

    Non ne abbiamo davvero abbastanza di queste sfumature e di questo divertente concept, ci vestiremo di rosa e rosso tutto il mese per ricordarvi l’amore “virtuale” che proviamo per voi e per il nostro lavoro. 

     

     

    I sentimenti di amore e passione sono vecchi come il mondo e l’hanno mosso: da Dante a Beatrice, da Romeo a Giuletta, da Lev Tolstoj a Anna Karenina, nessun traguardo verrà raggiunto senza impegno. La costanza è un valore che ci caratterizza ed è per questo che siamo qui a ricordarvelo!  

    In fondo: Abbiamo tutti bisogno d’amore !! 

     

    VECCHIE STORIE D’AMORE

    Tutte le curiosità sulla ricorrenza di San Valentino.

    Che si parli di amicizia o di fidanzamento, per chi l’abbia già trovato o per chi lo sta cercando, è l’amor che muove il sole e l’altre stelle…

     

     

    Noi abbiamo anche raccolto qualche curiosità di natura osé sulle origini di questa festa universale. Il Dio Luperco infatti, per chi non lo conoscesse,  era un fauno cacciatore di ninfe e con questa celebrazione a lui dedicata si celebrava la fine dell’inverno e il risveglio primaverile della natura. Si racconta anche di una lotteria del sesso, nella quale i ragazzi e le ragazze potevano lasciare i loro nomi all’interno di un recipiente, per poi aspettare che venissero estratte a caso delle coppie; tali coppie per un anno si sarebbero dovute impegnare a vivere in intimità per mettere alla prova la propria fertilità!

     

    Perché San Valentino come rappresentante degli innamorati allora? 

    Valentino vescovo cristiano, non volendosi convertire al paganesimo venne imprigionato per mano dell’imperatore Claudio II. La storia racconta che durante la prigionia si fosse innamorato della figlia del custode della prigione. Grazie alle preghiere di Valentino la giovane cieca, riacquistò la vista. 

    L’ultimo messaggio di Valentino all’amata prima della sua esecuzione fu firmato “dal vostro Valentino”. Questa frase sarebbe poi rimasta nella storia. 

     

    Ma allora… cosa c’entra la tradizione di regalare fiori?

    È molto semplice: secondo la leggenda, Valentino un giorno avrebbe sentito passare al di là del suo giardino due giovani fidanzati, che però tutto sembravano fuorché innamorati, dato che erano impegnati in una furiosa lite. Fu proprio in quel momento che Valentino decise di intervenire, e di regalare loro una rosa, pregandoli dunque di riconciliarsi. In men che non si dica, tra i due innamorati risbocciò l’amore, molto più forte di prima.

     

     

    E pensare che la ricorrenza che festeggiamo oggi è ispirata ad un martire ed anche innamorato.

    Fu Papa Gelasio I che decise di convertire i cosiddetti Lupercalia in una festa cristiana, così che la divinità di Lupercus fu sostituita dal santo e martire Valentino, decapitato il 14 febbraio del 274 d.C.

    I Lupercali infatti, erano una festa pagana e non romantica, legata alla fertilità, festeggiata dal 13 al 15 febbraio in onore di Luperco, dio dei lupi e del bestiame. 

    In questa occasione le matrone in gravidanza o le donne non ancora diventate madri, si facevano “colpire” da delle verghe, poiché questo gesto proteggesse i nascituri e concedesse la fertilità.